Canone Rai: davvero è obbligatorio? Scoprilo subito qui! | EasyTax Assistant - Blog

Non importa che tu guardi o no i programmi alla TV, fatto sta che il canone Rai è considerato servizio pubblico e va pagato, anche se sono sempre di più i contribuenti che preferirebbero non farlo. 

Di seguito ti illustreremo quali sono i requisiti che devi possedere per sfuggire dal pagamento di questa discussa tassa. Continua a leggere!

Premessa importante: pagare il canone Rai è obbligatorio da parte di tutti coloro che dispongono di un apparecchio televisivo in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale satellitare e/o digitale terrestre. Inoltre, nel caso non te ne fossi accorto, dal 2016 il pagamento di questo canone avviene direttamente in bolletta (Sì, hai capito bene, sì! Ti chiederai che collegamento ci sia fra la bolletta e questa tassa, ma così è!). Pertanto, non è così facile esserne esonerati, ed è possibile non pagarlo solo in alcuni casi specifici. Scopriamoli insieme!

Come non pagare il canone Rai

Se innanzitutto non vuoi pagare il canone Rai, semplicemente non dovresti possedere una TV (se ce l’hai ma pensi di poterne fare a meno così da evitare il pagamento del canone, disfatene!). Infatti il 1° gennaio 2016 è entrata in vigore una normativa attraverso la quale è stato introdotto il concetto di presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo.

Detenzione dell’apparecchio televisivo

Una precisazione sul concetto di presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo: questo viene applicato soltanto alle utenze domestiche residenti, ovvero alla fornitura di energia elettrica in cui l’utente ha la residenza. Ciò significa che il canone Rai si paga soltanto per la prima casa di proprietà, mentre per le seconde abitazioni si è esenti dal pagamento del canone.

Qualora tu non avessi una TV nell’abitazione principale in cui hai la residenza, o la possiedi ma al di fuori della tua prima casa, dovrai allora inviare annualmente (!) un documento all’Agenzia delle Entrate in cui dichiari di non possedere alcun apparecchio in grado di ricevere o decodificare il segnale satellitare e/o il segnale del digitale terrestre.

Altri casi di esonero

Inoltre, sei esonerato dal pagamento del canone Rai se:

  • Hai un’età pari o superiore a 75 anni e un reddito non superiore a 8,000 euro
  • Sei un agente diplomatico (art. 34 della Convenzione di Vienna del 18 aprile 1961)
  • Sei un funzionario e/o un impiegato consolare (art. 49 della Convenzione di Vienna del 24 aprile 1963)
  • Sei un funzionario di un’organizzazione internazionale
  • Sei un militare di cittadinanza non italiana e/o far parte del personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenente alle forze armate della NATO (art. 10 della Convenzione di Londra del 19 giugno 1951).

Dopo aver appurato di avere almeno uno dei requisiti che ti rendono esente dal pagamento del canone non devi fare altro che compilare la richiesta e inviarla all’Agenzia delle Entrate.

Ma attento… anche le scadenze sono importanti! Se presenti la dichiarazione entro il 31 gennaio sarai esonerato dal pagamento per l’intero anno, mentre se la presenti tra il 1° febbraio fino alla scadenza massima del 30 giugno, non pagherai solo per il secondo semestre dell’anno (in pratica paghi la prima metà dell’anno!). Infine, se hai già pagato il canone in bolletta, pur essendone esente, puoi richiedere il rimborso inoltrando un’apposita richiesta all’Agenzia delle Entrate.

Se questo articolo ti è piaciuto continua a seguirci per rimanere aggiornato su tutte le novità e scadenze! Ti consigliamo di leggere anche quello dedicato al Tax free shopping! E per una gestione fiscale semplice ed efficiente scarica EasyTax Assistant!