Spese telefoniche 2018: scopri subito come risparmiare | EasyTax Assistant - Blog

Hai parecchie spese telefoniche? Allora questo è l’articolo che cercavi! 

Una soluzione per le bollette salate

Più di metà degli italiani passa ogni giorno almeno 5 ore davanti al proprio smartphone. Un utilizzo smodato che, secondo alcuni, sarebbe uno specchio della nostra società, che tende sempre più ad isolare gli individui gli uni dagli altri. Ma, se stai leggendo questo articolo, non è certo per sentire moralismi di sorta, bensì perché la tua bolletta telefonica è alquanto salata!

Chiamate, SMS e dati internet sono, infatti, un costo fisso mensile che può assumere proporzioni non indifferenti: è stato calcolato che le famiglie italiane spendono, in media, 216 € all’anno di telefonia, a cui si devono aggiungere i costi degli smartphone, i costi per il telefono fisso e la rete internet di casa, e così via.

Proprio per questo motivo, il legislatore ha previsto delle agevolazioni fiscali che ci vengono in aiuto e ci permettono di ridurre la nostra pressione fiscale, in misure, oltretutto, affatto indifferenti. Vediamo come.

Spese telefoniche: cos’è la detrazione spese telefonia

Se non sai cosa sono le detrazioni, ti consiglio di leggere quest’articolo. In breve, una detrazione ti permette di abbassare le tasse che si devono pagare, quindi se, per un certo anno, devi pagare 1000 € di tasse, grazie alla detrazione prevista per i costi telefonici potrai vedere ridotta quella somma (ad es. fino a 800 €). Quanto riesci ad abbassare l’imposta lorda dipende, alla fine, da quanto spendi in telefonia.

Quindi, la detrazione spese telefonia, pari all’80% di quanto speso per tutti i costi legati alla telefonia, ti consente di ottenere una riduzione da applicare direttamente all’IRPEF lorda!

La detrazione ammonta ora forfettariamente all’80%, senza distinguere tra telefonia fissa e mobile come si faceva in precedenza (quando era prevista la detrazione al 100% per la telefonia fissa 100% e per quella mobile al 50%).

Spese telefoniche: chi può usufruire della detrazione

Possono usufruire della detrazione tutti coloro che hanno una Partita IVA, quindi liberi professionisti, lavoratori autonomi e, ovviamente, persone giuridiche soggette all’IRES. Per quanto riguarda i liberi professionisti, tuttavia, si deve essere in regime ordinario: il regime forfettario non prevede, infatti, tali detrazioni.

La detrazione vale nel momento in cui è una spesa imputabile all’esercizio della propria professione o impresa. Per l’utilizzo privato non è prevista alcuna detrazione, sfortunatamente. Nel caso di dipendenti cui sia fornito uno smartphone come benefit aziendale (o un tablet, od un pc), questo sarà tassato direttamente in busta paga come fringe benefit.

Spese telefoniche: quali sono quelle detraibili

La lista delle spese detraibili grazie alla detrazione per le spese legate alla telefonia è piuttosto, e sorprendentemente, lunga. Questa lista ricomprende:

  • Abbonamenti ai provider di telefonia (quindi tutto ciò che paghi per chiamare, mandare SMS e navigare in internet è ricompreso nella categoria)
  • Acquisto o noleggio di smartphone e tablet
  • Telefonia fissa
  • Acquisto di modem, router e così via, necessari alla navigazione
  • Acquisto di telefoni fissi
  • Manutenzione degli apparecchi (ebbene sì, puoi detrarre anche questi costi!).

Insomma, tutto ciò che ti è necessario per telefonare e navigare, sia su rete fissa che mobile, puoi scaricarlo grazie a questa detrazione.

Spese telefoniche: la detraibilità dell’IVA

La normativa qua è piuttosto semplice: se il costo che si vuole portare in detrazione è ad uso esclusivamente professionale, la detraibilità dell’IVA sarà pari al 100%; se, invece, l’uso che ne si fa è promiscuo (quindi, lo si utilizza regolarmente anche a scopi privati, come, ad esempio, chiamare gli amici per organizzare un calcetto o invitare la propria ragazza fuori a cena), la detraibilità scende al 50%. Questo vale sia per la telefonia mobile che fissa. La detraibilità è del 100%, tuttavia, anche nel caso in cui si faccia uso promiscuo ma sia stato fatto il riaddebito del valore utilizzo.

Spese telefoniche: il super ammortamento

Ma c’è di più: una norma, prevista dalla Legge di Stabilità del 2016, prorogata tuttavia fino al 31 dicembre 2018, permette di calcolare anche l’ammortamento del telefono. Tale norma consente, quindi, di fare il c.d. “super ammortamento”: in parole semplici, il costo del telefono su cui devi calcolare la detrazione viene aumentato del 40%.

Quindi, se hai pagato lo smartphone 100 € + IVA (22%, interamente detraibile perché ad uso esclusivamente professionale), tenuto anche conto dell’IVA, puoi dedurre l’80% non di 122 € ma addirittura di 175,68€! L’imposta si abbasserà, di conseguenza, di 140,5 €.

Cifre, numeri, percentuali e calcoli: tutto questo ti sembra roba da commercialisti? Non ti preoccupare: EasyTax Assistant è qui, pronta ad aiutarti a capire e gestire meglio le tue tasse e condurti, mano nella mano, ad un sicuro risparmio fiscale! Che aspetti? Provala subito!