Skip links

Bonifico Parlante: cos’è e come compilarlo

In questo articolo sarà spiegato cos’è il bonifico parlante e per quali documenti fiscali è obbligatorio per poter usufruire di alcune agevolazioni fiscali come quelle previste per gli interventi di ristrutturazione edilizia.

Uno dei requisiti essenziali per l’ottenimento di queste detrazioni è poter dimostrare che effettivamente la spesa sia avvenuta ed il pagamento tramite il bonifico parlante consente di ovviare a questo problema.

Cos’è il bonifico parlante?

Un bonifico parlante può essere sia cartaceo, quindi puoi semplicemente recarti in banca o in Posta e compilare l’apposito modulo, che online, in questo ultimo caso, potrai provvedere alla compilazione autonomamente e direttamente tramite il tuo conto corrente abilitato ai servizi telematici.

Per essere valido ai fini fiscali un bonifico parlante deve però contenere alcune informazioni e soprattutto la giusta causale.

Come deve essere compilato un bonifico parlante?

Le informazioni obbligatori sono i dati di chi effettua il pagamento e nella causale è importante indicare quali tipi di lavori sono stati svolti e la specifica norma di riferimento del beneficio fiscale.

Bisognerà  quindi inserire il nome ed il cognome e codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento ed a cui sono intestate le fatture e che quindi fruirà dell’agevolazione fiscale. Nel bonifico deve essere ben specificati gli estremi della fattura intesi come la data ed il numero a cui si riferisce il pagamento. Per maggiore chiarezza è consigliabile indicare anche il numero di Partita Iva di chi ha provveduto ad eseguire i lavori.

Per esempio un eventuale bonifico parlante per l’ottenimento del bonus ristrutturazione deve contenere nella causale la seguente dicitura: “Bonifico per il pagamento della fattura n° X del 08/03/2019 relativo ai lavori di ristrutturazione edilizia ( detrazione fiscale 50%) art. 16-bis DPR 22 dicembre 1986 n. 917.”

Ricordiamo che l’agenzia delle entrate ha più volte ribadito che senza la delucidazione delle giuste informazioni come i dati corretti, l’indicazione del riferimento normativo, il codice fiscale di chi usufruirà dell’agevolazione ed i dati fiscali ( P.IVA o CF) della ditta che materialmente effettua i lavori, il bonifico non è un documento valido per richiedere la detrazione fiscale per le spese di ristrutturazione.

Quando è obbligatorio?

Come già anticipato, esistono alcune spese detraibili che per fruire dell’agevolazione fiscale devono necessariamente essere pagate a mezzo bonifico bancario. Tra di queste ricordiamo le detrazioni fiscali per: spese di ristrutturazione; acquisto mobili, arredi ed elettrodomestici (bonus mobili); interventi per risparmio energetico (Eco Bonus); ristrutturazione post evento sismico ( sisma bonus); spese per la sistemazione del verde (bonus Verde); acquisto di tende da sole esterno o interno con schermatura solare ( bonus tende); acquisto zanzariere con schermature solari ( bonus zanzariere).

In particolare devono essere tracciate le seguenti spese: Acquisto materiali, acquisto di mobili ed elettrodomestici ( a seguito di una ristrutturazione edilizia) ed eventuali consulenze

Sempre per quanto riguarda le spese di ristrutturazione, ne esistono alcune il non è possibile pagare a mezzo bonifico, un esempio sono i diritti per le concessioni, le autorizzazioni e le denunce di inizio lavori. In questi casi potrai usufruire della detrazione anche senza il possesso della ricevuta dell’avvenuto pagamento a mezzo bonifico bancario.

Per quando invece sono presenti più soggetti  che sostengono la spesa e tutti intendono fruire della detrazione, il bonifico bancario deve riportare il codice fiscale di tutte le persone interessate. Per gli interventi invece realizzati in regime di condomini e per le parti comuni, è necessario indicare il Codice Fiscale dell’amministratore o del condomino che effettua il pagamento.

In particolare devono essere tracciate le seguenti spese: Acquisto materiali, acquisto di mobili ed elettrodomestici ( a seguito di una ristrutturazione edilizia) ed eventuali consulenze.

Lo so, tenere traccia di tutto può essere davvero impegnativo ma per fortuna c’è EasyTax Assistant! Con EasyTax infatti, potrai facilmente importare e gestire ricevute e fatture, senza rischiare di perderli e calcolare automaticamente tasse ed agevolazioni!

Scaricala GRATIS dagli store iOS e Android!

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis