Skip links

Bonus Casalinghe: per te fino a 1.920 euro di bonus

La nuova Legge di Bilancio 2019 ha stanziato diversi fondi per agevolare le donne e in maniera particolare le mamme, creando così diversi bonus di sostegno.

Non esiste un bonus casalinghe così definito, ed è importante sottolinearlo, quanto piuttosto una definizione popolare che specifica una serie di agevolazioni riservate alle donne e, in maniera particolare, per coloro che decidono di avere un figlio.

Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono tutte le agevolazioni previste!

Bonus Casalinghe: cos’è e come funziona

Se ti giri un po’ intorno, avrai sicuramente sentito parlare del bonus casalinghe. Come abbiamo già sottolineato non esiste propriamente questo bonus ma esistono una serie di agevolazioni che rientrano nella definizione del bonus casalinghe.

  1. Bonus Mamma Domani (o premio nascita)
  2. Bonus Bebè
  3. Bonus Mamme Disoccupate (assegno di maternità dei comuni)
  4. Bonus asilo nido
  5. Reddito di inclusione
  6. Social Card

Andiamo a parlare meglio di ognuno di questi bonus, spiegando cosa sono, quali gli importi e i requisiti richiesti per ciascuno!

Bonus casalinghe: bonus Mamma Domani

Il bonus mamma domani è un’agevolazione che concede 800 euro a tutte le donne, lavoratrici e non, che mettono alla luce un figlio, indipendentemente dal reddito.

Non richiedendo specifici requisiti ma soltanto il fatto di mettere alla luce un bambino, si può fare una semplice domanda all’INPS già a partire dal settimo mese di gestazione.

Bonus Casalinghe: il Bonus Bebè

Il Bonus Bebè è un’agevolazione in favore delle neo mamme che possiedono un basso reddito. In base al proprio ISEE (se non sai cosa sia, approfondisci con questa breve lettura!) è previsto un assegno che va da 960 euro a 1920 euro annuali. Una volta richiesto all’INPS verrà poi erogato a rate durante l’anno solare per un massimo di 36 rate.

In particolare, con limite ISEE fino a 7000 euro annui l’importo del bonus bebè sarà pari a 160 euro mensili (1920,00 euro annuali) mentre scende a 80 euro mensili (960,00 euro annui) con limite ISEE fino a 25.000 euro.

Bonus casalinghe: Bonus mamme disoccupate

Il bonus mamme disoccupate, altrimenti detto assegno dei maternità dei comuni è un’importo a cui ha diritto la madre disoccupata e, a differenza degli altri bonus elencati non va richiesto all’INPS ma al comune di residenza. L’importo del bonus è pari a 1.545,55 euro ed è erogabile se il tuo ISEE è inferiore a 32.222,66 euro annui.

Bonus casalinghe: il bonus asilo nido

Il bonus asilo nido è un’agevolazione prevista per le mamme con figli disabili fino ai 3 anni di età. Si tratta di un bonus di circa 1000 euro da utilizzare per il pagamento di asili nido o per assistenza domiciliare del piccolo.

Per richiedere il bonus asilo nido dovrai fare richiesta all’INPS, che ti erogherà l’assegno in 11 mensilità pari a 90,91 euro al mese.

Come il bonus mamme, anche questo non dipende dal reddito.

Bonus casalinghe: reddito di inclusione

Il Reddito di inclusione rappresenta un sostegno economico erogato dall’INPS per le famiglie con almeno uno di questi requisiti:

  • Un minorenne
  • Un disabile e il suo genitore
  • Una donna gravida
  • Un disoccupato con almeno 55 anni di età.

Il reddito di inclusione inoltre, prevede diversi requisiti, tra cui:

  • ISEE inferiore ai 6.000,00 euro
  • ISRE inferiore ai 3.000 euro
  • Il patrimonio immobiliare, al di fuori della casa principale, inferiore ai 20.000
  • Il patrimonio mobiliare inferiore ai 10.000 (8.000 se si è una coppia e 6.000 se si è single)
  • Nessun membro della famiglia percepisce la NASPI
  • Nessun famigliare ha acquistato un’ automobile nuova nei 2 anni immediatamente precedenti alla richiesta.

L’importo mensile spettante, una volta soddisfati i requisiti, varia a seconda del REI e in particolare:

  • Per individui singoli l’importo spettante sarà pari ad euro 187,50
  • Per le coppie l’importo sarà pari a 294,50 euro
  • Per nuclei familiari di 3 persone l’importo sarà d euro 382,50
  • Per famiglie con 4 componenti l’importo sale a 461,25 euro mensili
  • Per famiglie con 5 membri l’importo spettante sarà pari ad euro 539,82

Bonus casalinghe: la social card

La social card, o carta sociale, è un assegno, pari a circa 80 euro, finalizzato a coprire le spese alimentari, farmaceutiche, o per il pagamento delle bollette.

Per usufruire dell’agevolazione prevista dalla social card i requisiti sono i seguenti:

  • Avere almeno 65 anni, o un bambino con meno di 3 anni
  • Un ISEE minore di 6863,29 euro
  • Un patrimonio mobiliare inferiore ai 15.000 euro

Bonus casalinghe: come fare domanda all’INPS

Per ogni bonus citato, ad eccezione dell’assegno maternità erogato dal comune e alla social card richiedibile in posta, dovrai fare domanda all’INPS.

Le modalità possono essere diverse ed in particolare potrai rivolgerti:

  • Direttamente al sito dell’INPS
  • Un patronato della tua città
  • Call Center dell’INPS

Per monitorare le agevolazioni a cui hai diritto, scarica EasyTax Assistant! La prima app italiana che semplifica la gestione fiscale, aiutandoti a gestire, capire e risparmiare. La puoi scaricare GRATUITAMENTE dagli store iOS e Android!

Che Aspetti?

 

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis