Skip links

Bonus mobili 2018: cos’è e come funziona

Hai appena comprato casa o prevedi di farlo a breve? Allora ti interesserà sapere che hai la possibilità di detrarre fino a 10 mila euro di spese per l’acquisto di arredamenti e grandi elettrodomestici. La cosa ti interessa? Allora continua a leggere per scoprire meglio di cosa sto parlando! 

Se dal primo gennaio 2017 hai cominciato degli interventi di ristrutturazione edilizia potrai sfruttare tutti i vantaggi del bonus mobili, si tratta in pratica di agevolazioni fiscali per chi acquista mobili ed elettrodomestici entro il prossimo 31 dicembre. Certo, tutto molto bello, ma vediamo di che cosa si tratta, le condizioni per averne diritto e le istruzioni per poterlo richiedere. 

Bonus mobili 2018: cos’è? 

Il bonus mobili non è una novità, infatti è in vigore già da anni e più precisamente è stato introdotto tramite un decreto legge nel 2013. Con la nuova legge di bilancio questo è stato prorogato fino al 31 dicembre 2018, così come tutti gli altri bonus casa come il bonus ristrutturazione, il sismabonus e l’ecobonus del quale abbiamo già parlato in questo articolo. Dal primo gennaio di quest’anno è stato addirittura introdotto il bonus verde, per agevolare gli interventi su giardini, terrazze e balconi anche condominiali, mentre è invece stato abolito il bonus mobili per le giovani coppie. 

Quando si parla di bonus mobili si intende una detrazione IRPEF del 50% sulle spese effettuate per l’acquisto di nuovi arredi, mobili e grandi elettrodomestici, fino a un tetto massimo di 10 mila euro. Ma come funziona? Chi lo richiede si vedrà rimborsare l’importo che gli spetta in 10 rate a partire dall’anno successivo a quello dell’acquisto. Ad esempio, per una spesa di 6 mila euro si possono detrarre 3 mila euro divisi in 10 rate, e per gli acquisti di quest’anno si cominceranno a ricevere i pagamenti dal 2019. Rientrano nelle categorie di spesa detraibili nuovi mobili, arredamenti e grandi elettrodomestici. 

Bonus mobili 2018: chi ne può beneficiare? 

Il bonus mobili è strettamente legato al bonus ristrutturazione, infatti non è possibile beneficiare del bonus mobili semplicemente a seguito di un cambio dell’arredamento, ma è invece collegato ad un intervento di secondo tipo, come per esempio a seguito di una ristrutturazione. Cioè se benefici del bonus ristrutturazione 2018, in seguito puoi anche fruire del bonus mobili che ti permette di risparmiare il 50% sull’acquisto di nuovi arredamenti. 

Perciò coloro che possono richiedere il bonus mobili devono aver già beneficiato del bonus ristrutturazioni ed essere contribuenti assoggettati dall’imposta sul reddito persone fisiche o Irpef residenti sia in Italia che all’estero, e ai titolari i cui redditi siano assoggettati all’Ires. 

Inoltre, è interessante notare che tale bonus riguarda la singola unità immobiliare e non il singolo contribuente. Cioè, se per caso dovrai eseguire degli interventi in più unità abitative, avrai diritto a ricevere più volte il bonus. 

Bonus mobili 2018: come richiederlo? 

La prima condizione fondamentale per richiedere il bonus mobili è quella di aver effettuato i pagamenti tramite carta di credito o di debito, oppure tramite bonifico bancario o parlante. I pagamenti effettuati tramite contanti o tramite assegni non saranno invece coperti dal bonus. 

Infatti, è necessario possedere, e conservare per 10 anni, i seguenti documenti: 

  • attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta dell’avvenuta transazione, documentazione di addebito sul conto corrente ecc.) 
  • fatture di acquisto o scontrini (con codice fiscale dell’acquirente e del venditore o partita iva, natura, qualità e quantità dei beni acquistati, e data d’acquisto) 
  • prova che nell’immobile siano state effettuate ristrutturazioni edili (dichiarazione di ristrutturazione, titolo abitativo comunale con la data di inizio lavori, dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà ecc.) 

Se questo articolo ti è stato utile, continua a seguirci per tante altre notizie, e se non l’hai ancora fatto scarica EasyTax Assistant, la prima app di semplificazione fiscale che ti aiuta a risparmiare! 

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis