Skip links

Bonus Renzi: taglio del cuneo fiscale

Sono tante le novità che vedremo nel corso del 2020 e una di queste sicuramente riguarderà il Bonus Renzi. Non ci sono conferme ufficiali ma pare che il Ministero dell’Economia e delle Finanze stia lavorando a rinnovare il Bonus Renzi con un’eventuale introduzione di novità che potrebbero cambiare radicalmente il meccanismo del bonus da 80 euro. Vediamo quali potrebbero essere le novità e tutto ciò che c’è da sapere sul Bonus Renzi.

E se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo fiscale, scarica subito EasyTax Assistant, il tuo assistente fiscale digitale che ti aiuta giorno per giorno a tenere sotto controllo la tua fiscalità!

Bonus Renzi: cos’è e a chi spetta

Il Bonus Renzi, come lo conosciamo, è un bonus di 80 euro introdotto nel 2014. Il totale annuo ammonta a 960 euro ed è riconosciuto ai possessori di reddito annuale lordo compreso tra € 8.174 e € 24.600. L’importo di 80 euro è erogato direttamente in busta paga.

Il Bonus Renzi è un’agevolazione che spetta a:

  • lavoratori dipendenti e assimilati,
  • lavoratori a tempo determinato,
  • lavoratori a progetto,
  • soci di cooperativa,
  • percettori di indennità di mobilità o cassa integrazione,
  • titolari di assegni legati a borse di studio e formazione professionale,
  • disoccupati percettori di indennità di disoccupazione NAspI,
  • percettori di remunerazioni sacerdotali,
  • personale delle Forze dell’Ordine (Polizia, Carabinieri, Esercito, Vigili del Fuoco, Capitaneria di porto).

Anche i collaboratori domestici ne possono beneficiare, con un’unica particolarità: possono recuperarlo tramite la dichiarazione dei redditi, poiché sono senza sostituto d’imposta.

Bonus Renzi: le fasce di reddito attuali

Fino ad oggi, per avere diritto al Bonus Renzi è necessario avere un reddito annuale lordo compreso tra gli 8.174 euro e i 24.600 euro.

In particolare, il bonus attuale con le corrispondenti fasce di reddito è:

  • 960 euro annui (gli 80 euro) per chi ha un reddito complessivo fino ai 24.600 euro
  • un importo ridotto per chi ha un reddito compreso tra i 24.600 euro e i 26.600 euro
  • non corrisposto ai lavoratori con reddito inferiore a 8.174 euro perché ritenuti incipienti, ovvero con un reddito così basso da non dover presentare denuncia dei redditi o, pur presentandola, non beneficiare di detrazioni.

Le novità nel 2020: ipotesi

Tante le ipotesi sulle possibili novità del Bonus Renzi 2020. La principale potrebbe riguardare un aumento fino a 100 euro, con un maggiore taglio del cuneo fiscale e entro certi limiti di reddito. Limiti di reddito che potrebbero essere rivisti, cosicché il bonus sia esteso alle fasce di reddito più elevate, sotto forma di detrazione.

In questo caso l’agevolazione fiscale interesserebbe la popolazione con una fascia di reddito compresa tra gli 8.174 euro e i 40.000 euro.

Due modalità per beneficiare del Bonus Renzi:

  • In busta paga con reddito fino a 20.000 euro
  • Come detrazione con reddito oltre i 20.000 euro

Per la fascia di reddito compresa tra gli 8200 euro e i 15000 euro, il bonus non potrebbe essere trasformato in detrazione per problemi tecnici, infatti insieme alle altre detrazioni da lavoratore dipendente, il rischio è quello di azzerare la tassazione e rendere così il lavoratore un soggetto “incapiente”.

Altra ipotesi è un nuovo meccanismo di erogazione che farebbe diminuire l’agevolazione con l’aumentare del reddito, comprendendo così anche i redditi compresi tra 35000euro e 40000 euro.

Vediamolo più nel dettaglio.

II limiti di reddito del Bonus Renzi dal 2020

Con una forma diversificata per poter permettere a più contribuenti di usufruire del Bonus Renzi, ecco come potrebbero essere suddivisi i beneficiari con il bonus 2020:

  • Redditi da € 8.174 a € 24.600: bonus di € 100 mensili, quindi € 20 in più al mese.
  • Redditi da € 24.601 a € 26.600: aumento di € 196 annuo, quindi € 16 in più al mese.
  • Redditi da € 26.601 a € 28.000: aumento di € 100 mensile.
  • Redditi da € 28.001 a € 35.000: si applica una riduzione progressiva del bonus a partire da € 100 fino ad arrivare ad € 80.
  • Redditi tra € 35.001 e € 40.000: bonus da € 80 fino ad azzeramento per i redditi fino a € 40.000.

Nulla cambia per i collaboratori domestici, che devono recuperarlo tramite la dichiarazione dei redditi, poiché sono senza sostituto d’imposta. L’importo di € 80 verrà sempre erogato direttamente in busta paga.

Il taglio del cuneo fiscale

Dal mese di luglio 2020 entrerà in vigore il taglio del cuneo fiscale e la conseguente modifica del Bonus Renzi. Con il taglio del cuneo fiscale, le buste paghe dei dipendenti con reddito tra gli 8.000 euro e i 39.000 euro saranno più ricche.

Infatti, tra le novità della Legge di Bilancio 2020, c’è quella di ridurre le tasse ai lavoratori dipendenti: è stato istituito un fondo di 3 miliardi di risorse per il 2020 e di 5 miliardi per quanto riguarda il 2021.

Per i 7 milioni di lavoratori che rientrano nella fascia di reddito tra i 15.000 euro e i 26.600 euro, che in linea di massima corrispondono ai beneficiari del Bonus Renzi, il vantaggio economico dato dal taglio cuneo fiscale sarà di circa 20 euro.

Se i 20 euro vengono poi uniti agli 80 euro dell’attuale Bonus Renzi, ogni lavoratore, a partire da luglio 2020, percepirebbe fino a 100 euro in più in busta paga.

Per ora non ci sono conferme ufficiali, però scarica gratuitamente EasyTax Assistant dagli Store iOS e Android e consulta il nostro blog per essere sempre aggiornato!

banner di easytax assistant per risparmiare sulle tasse
Smetti di pagare più tasse del dovuto con EasyTax Assistant.

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis