Skip links

Certificazione Unica 2019: cos’è e scadenze

Ogni anno, entro il mese di gennaio, l’Agenzia delle Entrate pubblica nuovi aggiornamenti relativi alla Certificazione Unica. Quest’anno, la nuova certificazione dei redditi che ha sostituito il vecchio modello CUD è la Certificazione Unica 2019.

Andiamo a vedere più nel dettaglio cos’è, le modalità di trasmissione con le relative scadenze e le eventuali sanzioni per i datori di lavoro.

Certificazione Unica 2019: cos’è e com’è fatta

La Certificazione Unica 2019 è quel documento che certifica i redditi di lavoro dipendenti e assimilati, i redditi di lavoro autonomi, le provvigioni e redditi diversi. La CU 2019 va rilasciata, prima delle scadenze prestabilite, dai datori di lavoro/Inps/committenti all’Agenzia delle entrate e alle persone che ricevono tali somme. Ovviamente, se sei un lavoratore dipendente ti verrà rilasciata dal tuo datore di lavoro. Se invece sei un pensionato, il tuo sostituto d’imposta sarà l’Inps e il documento sarà disponibile sul sito da dove lo potrai visualizzare e stampare.

Ma com’è fatta la Certificazione Unica?

La CU 2019 si compone di due fogli;

  • nella prima parte sono riportati tutti i dati anagrafici del soggetto destinatario ed è firmato dal datore di lavoro /sostituto d’imposta
  • nel secondo foglio, invece, sono riportati i dati fiscali tipici della certificazione unica come i redditi percepiti, le detrazioni effettuate, i contributi trattenuti ai fini della pensione.

Nel caso dovessi trovare errori sulla CU dovrai avvisare immediatamente chi ha redatto il documento, il tuo datore di lavoro per esempio, in modo tale che venga corretta e che venga comunicato all’Agenzia delle Entrate.

Certificazione Unica 2019: modalità di trasmissione

Il datore di lavoro può consegnare la certificazione la CU 2019 al lavoratore in due diverse modalità:

  • In forma cartacea
  • Via mail

È sempre facoltà del lavoratore richiederla in formato cartaceo ma è obbligatoria per i dipendenti che hanno terminato il lavoro. Questi ultimi dovranno ricevere la CU entro 12 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Può essere utilizzato l’invio per mail solamente se il destinatario abbia i mezzi per riceverla e stamparla.

Certificazione Unica 2019: scadenze

Il modello della CU 2019 va inviato per mail all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo 2019 mentre va consegnato al lavoratore entro il 31 marzo 2019. Però, dal momento che il 31 Marzo cade di domenica, il nuovo modello CU 2019 va consegnata entro il 1° aprile 2019, o entro 12 giorni dalla richiesta del dipendente in caso di cessazione del rapporto del lavoro.

Per quanto riguarda la Certificazione che contiene solo redditi esenti o non dichiarabili tramite dichiarazione precompilata la scadenza cadrà giovedì 31 ottobre.

Certificazione Unica 2019: sanzioni

In caso di errori, ritardo o omissioni sono previste delle sanzioni per il datore di lavoro.

Nel dettaglio le sanzioni previste sono:

  • Per CU omessa, tardiva o errata: 100 per singola certificazione (con limite massimo di 50.000
  • CU errata trasmessa entro il 7 marzo 2019, poi corretta e nuovamente trasmessa entro 5 giorni: nessuna sanzione
  • CU errata trasmessa entro il 7 marzo 2019, poi corretta e nuovamente trasmessa entro 60 giorni: 33,33€ per singola certificazione (con limite massimo di 20.000€)

Per evitare di essere sanzionato, scarica EasyTax Assistant, la prima App di gestione fiscale con cui tenere sotto controllo scadenze e la tua gestione fiscale. Scaricala subito, è GRATIS!

Disponibile su iOS e Android

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis