Skip links

Tutto ciò che devi sapere sulla “deduzione prima casa”

Deduzione prima casa: di cosa si tratta? Chi ne ha diritto? Come si calcola?

In quest’articolo ti parlerò di un’agevolazione fiscale prevista per le abitazioni, in particolare della possibilità di dedurre dal proprio reddito lordo la “rendita catastale della propria abitazione principale”. Ti suona poco chiaro? Continua a leggere e tutto ti sarà chiaro! Prima di entrare nello specifico, però, bisogna comprendere il significato che il fisco attribuisce all’abitazione principale.

Deduzione IRPEF prima casa: qual è la differenza tra prima casa e abitazione principale?

Proviamo a fare chiarezza specificando la differenza tra prima casa e abitazione principale. Anche se ormai nel linguaggio comune si tende a confondere i due concetti, la differenza sostanziale è che per prima casa si intende solo la prima abitazione acquistata mentre per abitazione principale si intende l’immobile in cui risiedi abitualmente durante il corso dell’anno fiscale. L’immobile acquistato per la prima volta può quindi divenire anche la tua abitazione principale, anzi, di regola è proprio ciò che accade.  Tuttavia, è possibile anche che io acquisti una prima casa senza necessariamente andarci a vivere: in tal caso prima casa e abitazione principale non coincideranno.

Deduzione IRPEF prima casa: cos’è, nello specifico

Per essere considerata abitazione principale, è necessario che siano soddisfatti due requisiti: 1) l’abitazione principale è la tua dimora abituale nel corso dell’anno 2) l’immobile è situato nel comune in cui hai la residenza.

L’agevolazione fiscale prevista è, tecnicamente, una deduzione della rendita catastale dell’immobile nella propria dichiarazione dei redditi. In altre parole, ciò significa che, con la deduzione, potrai diminuire la base imponibile su cui si calcolano le tasse ed ottenere così uno sgravio fiscale importante. Ricordiamo che si tratta di una deduzione e non di una detrazione!!!

Deduzione IRPEF prima casa: cos’è la rendita catastale?

Adesso hai capito quando hai diritto allo sgravio ma ancora non ti è chiaro esattamente a quanto ammonta la tua agevolazione. Il tutto è collegato alla rendita catastale.

La rendita catastale altro non è che il valore attribuito dal catasto al tuo immobile che viene valutato in base alla dimensione, alla tipologia (villa, appartamento), in base alla destinazione d’uso ecc. Inoltre ti ricordo che la rendita catastale è  la base su cui vengono calcolate alcune imposte come ad esempio l’IMU e la TASI.

Deduzione IRPEF prima casa: a chi spetta?

La deduzione dell’abitazione principale spetta ovviamente al proprietario che risiede nell’immobile. Bisogna però che tu faccia attenzione al concetto di abitazione principale già affrontato all’inizio in quest’articolo. Oltre al proprietario/residente possono beneficiare della deduzione per l’abitazione principale anche chi ne ha il godimento senza esserne proprietario, il cosiddetto usufruttuario.

Insomma, la vita del contribuente è davvero complicata, ma non disperarti: EasyTax Assistant è lo strumento tecnologico che, nel 2018, è ormai un compagno insostituibile del buon contribuente che vuole pagare le giuste tasse: risparmiando un po’ di tempo, energia e denaro grazie a tutte le tassazioni separate, agevolazioni fiscali, sgravi, incentivi e così via che abbiamo a disposizione senza saperlo. Scaricala subito dagli store iOS e Android!

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis