Skip links

Orari visita fiscale: cosa sono e novità!

Oggi parliamo delle visite fiscali, una tra le varie misure create per tenere d’occhio e mettere in riga anche i più furbi. Rispolveriamo anche il concetto di indennità di malattia e vediamo il dettaglio di quelli che sono gli orari visita fiscale:

Infatti, se tra i diritti dei lavoratori c’è quello di “conservazione del posto di lavoro in caso di malattia” – con relativa retribuzione – non sempre tutti resistono alla tentazione di prendersi qualche giorno di stop dalla routine lavorativa anche se non realmente indisposti.

Vediamo in questo articolo il concetto di indennità di malattia, di visite fiscali e soprattutto le fasce di orari visita fiscale per le varie categorie di lavoratori.

In generale, scopri tutte le agevolazioni relative al tuo profilo fiscale e comincia subito a risparmiare tempo e denaro con EasyTax Assistant (sia per iOS che Android)!

Cos’è l’indennità di malattia?

Rivediamo insieme il concetto di indennità di malattia e poi parleremo in dettaglio delle visite fiscali e degli orari previsti per le varie categorie di lavoratori,

L’ indennità di malattia è la retribuzione del lavoratore in caso di assenza giustificata dal lavoro. Questa retribuzione esiste per il rispetto di uno dei diritti fondamentali del lavoratore, cioè il “diritto di conservazione del posto di lavoro in caso di malattia”.

Purtroppo può accadere che un lavoratore recepisca l’indennità di malattia anche relativamente a giorni in cui l’assenza dal lavoro non fosse giustificata.

Una volta chiarito il diritto del lavoratore (nonché dovere del datore di lavoro) di ricevere una retribuzione sufficiente a garantire una sostenibilità economica anche in caso di assenza giustificata, siamo pronti per approfondire il tema delle visite fiscali.

Visite fiscali: cosa sono?

La visita fiscale è un accertamento medico previsto dallo Statuto dei Lavoratori e predisposto dall’Inps o dal datore di lavoro. Ciò significa che uno di questi due soggetti può ricorrere a questa misura per verificare l’effettivo stato di malattia del dipendente assente per “motivi di salute”.

Si tratta di una vera e propria visita medica e di verifica della natura degli impedimenti che trattengono il lavoratore dal presentarsi al lavoro. Non si limita solo al controllo della presenza fisica del dipendente assente, presso il proprio indirizzo di residenza, ma anche a alla conferma del “giustificato motivo” di assenza.

Orari visita fiscale: le Novità del 2019

Nel 2019 è stato introdotto il nuovo regolamento per quanto riguarda le visite fiscali per diverse categorie di dipendenti pubblici.

Nel nuovo regolamento, oltre alle specifiche fasce di orari visita fiscale previsti per ciascuna specifica categoria di dipendente pubblico, sono state introdotte diverse novità. Tra queste le più rilevanti sono:

  • Creazione e l’inserimento del Polo Unico Inps
  • Verifica di reperibilità del lavoratore
  • Visite fiscali ripetute
  • Le nuove cause di esclusione dalle visite fiscali.

Orari visita fiscale: Il Polo Unico Inps

Nel 2017 con la Legge Madia, il ruolo di controllore del rispetto e coerenza delle visite fiscali, viene spostato dall’Asl all’Inps. Dunque, spetta all’Inps di verificare, nelle fasce orarie opportune e indicate, che i lavoratori dichiarati assenti per giusta causa, lo siano veramente.

Per questo esiste il Polo Unico Inps, che ha la competenza esclusiva di effettuare le visite fiscali sia su richiesta dei datori di lavoro (pubblici e privati) che d’ufficio.

Orari visita fiscale: le fasce di reperibilità

Ovviamente esistono delle fasce di orari visite fiscali nelle quali avvengono le visite di accertamento, più semplicemente chiamate anche fasce di reperibilità.

A seconda che il dipendente lavori per un’entità pubblica o privata si distinguono in:

  • per i dipendenti pubblici tra le 9-13 e 15-18
  • per i dipendenti privati tra le 10-12 e 17-19 .

N.B.: Le visite fiscali possono essere ripetute in una stessa giornata e vengono eseguite in un qualunque giorno della settimana, giorni festivi e fine settimana compresi.

Il decreto legislativo del 27 maggio 2017 prevede l’armonizzazione delle discipline – pubblica e privata – relative alle fasce di orari visita fiscale e di reperibilità. Questo decreto, inoltre, definisce anche quelle che sono le modalità e i procedimenti di svolgimento degli accertamenti medici legali.

ORARI VISITA FISCALE MATTINA POMERIGGIO
Lavoratori dipendenti Privati Dalle 10.00 alle 12.00 Dalle 17.00 alle 19.00
Lavoratori dipendenti Pubblici Dalle 9.00 alle 13.00 Dalle 15.00 alle 18.00

Altre regole importanti e caso di esclusione

Si ricorda, inoltre, che è consentito uscire dalla propria abitazione durante le fasce orarie diverse da quelle di reperibilità. Bisogna fare attenzione, però, a non pregiudicare la guarigione o aggravare l’infortunio e malattia stessa.

Come ogni regola e misura che si rispetti, esistono dei casi di esenzione per cui non si applica questa regole.

È possibile infatti richiedere all’Inps l’esenzione dalla visita fiscale Inps solo in casi specifici e molto particolari. Ne sono un esempio la presenza di patologie molto gravi e che richiedono terapie salvavita oppure gravi condizioni dovute ad invalidità (superiore al 67%).

<p> <img src="mobile-phone-easytax.png" alt="smetti di pagare più tasse del dovuto e usa EasyTax:"> app store play store </p>
Smetti di pagare più tasse del dovuto e comincia subito a risparmiare tempo e denaro con EasyTax Assistant.

Cosa succede se il lavoratore non è a casa?

D’altra parte, può capitare che il lavoratore non si trovi a casa durante una di queste visite di accertamento. Che cosa succede in questo caso?

Il lavoratore dovrà sostenere una visita presso l’ambulatorio dell’Inps territoriale.

In sede di questo incontro il medico verificherà e confermerà o meno la sussistenza di incapacità lavorativa del lavoratore, in relazione alla prognosi dello stesso. Il medico visitante valuterà anche la documentazione portata a giustifica dell’assenza durante le fasce di reperibilità.

In generale, se il lavoratore dipendente non si trova in casa durante una delle visite fiscali o durante le fasce di reperibilità, deve provare e giustificare in maniera documentata i motivi di giustificata assenza.

Nel caso in cui il motivo di assenza del lavoratore è a causa del cambio di domicilio, risulta necessario che il lavoratore stesso avvisi l’Inps del cambio di residenza per via telematica. Questa procedura va eseguita appena avviene il cambio del domicilio stesso, onde evitare spiacevoli conseguenze e inutili problematiche burocratiche.

Articoli simili

Se questo articolo ti è servito, leggi anche “Busta paga voci per lavoratore dipendente” e “Bonus dipendenti e premi di produttività 2019”.

Infine, scarica EasyTax Assistant e comincia subito a gestire in maniera semplice le tue tasse.

Che cosa aspetti? È disponibile sia per iOS che per Android!

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis