Skip links

Scontrino elettronico: tutto quello che non sapevi!

Oggi voglio parlarti di un’innovazione che, a partire dall’inizio dell’anno prossimo ovvero del 2019, riguarderà anche te in prima persona, precisamente quando dovrai fare delle compere.

Ecco in cosa consiste lo scontrino elettronico, che lentamente andrà a rimpiazzare la versione cartacea, che sparirà dalla circolazione.

Lo scontrino elettronico: per quale motivo è stato approvato

Come ben saprai il nostro Paese, spesso e volentieri, torna alla ribalta nelle pagine di cronaca per essere quello dove l’evasione fiscale è maggiormente presente. Non pagare le tasse, o farlo dichiarando degli importi che sono assai inferiori rispetto a quelli reali, rappresenta una delle piaghe che colpiscono l’Italia.

Proprio per contrastare questo problema è stato deciso di rendere obbligatorio lo scontrino elettronico, il quale dovrà entrare in vigore a partire dal mese di luglio 2019 per le attività commerciali che fatturano annualmente almeno 400mila euro mentre, tutte le altre, dovranno adottare questo particolare sistema a partire dall’anno successivo, ovvero dal 2020.

Questa regola si affianca a quella precedentemente imposta a tutti i commercianti, ovvero l’obbligo del POS presente nel negozio: grazie a questo strumento i commercianti si ritrovano costretti a dover dichiarare importi reali, grazie anche al fatto che col pagamento mediante carta elettronica lo strumento rilascia lo scontrino e registra gli importi spesi da parte del cliente stesso.

Pertanto lo scontrino elettronico sarà uno strumento che, per te che sei commerciante, entrerà a far parte della tua attività nel corso dei prossimi anni mentre, se sei un cliente, ti consente di ottenere la sicurezza del fatto che la merce che hai acquistato sia registrata correttamente.

Come funzionerà lo scontrino elettronico

Questo particolare strumento funzionerà in modo classico ma attenzione: le vecchie casse, che vengono utilizzate presso il negozio o attività commerciale, non saranno in grado di favorire la diffusione dello scontrino elettronico.

Nel tuo negozio dovranno quindi essere installati degli strumenti nuovi che, almeno per ora, non è chiaro se dovranno essere acquistati da parte tua oppure ti verranno concessi in conseguenza al ritiro delle vecchie casse.

I nuovi registratori sono collegati perennemente, durante lo svolgimento dell’attività, al portale delle Agenzie delle Entrate: ogni volta che viene battuto un articolo questo viene aggiunto allo scontrino elettronico e una volta che il totale viene emesso, lo stesso viene inviato direttamente all’Agenzia delle Entrate.

Ogni commerciante avrà il suo identificativo, che secondo quanto prestabilito, sarà quello della partita IVA, ovvero se tu sei il titolare di un market il tuo codice che identifica la tua attività sarà rappresentato proprio dalla partita IVA e quindi, in conseguenza a questo elemento, ogni scontrino sarà archiviato sotto il tuo numero identificativo.

Questo ti consente di ottenere il vantaggio di evitare di conservare ricevute e scontrini vari per la dichiarazione dei redditi e di tenere un registro contabile che contiene tutte queste informazioni.

Pertanto non ti arriveranno più comunicazioni relative ad errori nella compilazione di questi documenti importanti e di conseguenza tu sarai sicuro che la tua attività operi nella totale legalità senza alcuna imprecisione e complicazione di ogni genere.

Tieni presente però che se sei un imprenditore agricolo oppure rientri nel regime forfettario, questo strumento non ti riguarderà, visto che queste imprese sono, ancora ad oggi, escluse.

I vantaggi del controllo dello scontrino elettronico

Ma quali sono gli altri vantaggi che riguarderanno l’intero Paese?

Il controllo quotidiano, visto che ogni scontrino verrà registrato non appena viene emesso, ti consente di sapere l’esatto importo che devi versare come pagamento delle tasse e di evitare che i vecchi fogli del registro possano essere perduti.

Inoltre potrai anche notare come, grazie allo scontrino elettronico, il concetto di evasore fiscale sarà completamente assente: se tu hai sempre pagato correttamente i compensi che ti riguardano, non sarai costretto a dover subire passivamente il costante incremento degli stessi per fare in modo che si possa coprire parte dell’evasione di altri commercianti.

Lo scontrino fiscale, però, non sostituisce definitivamente fatture e ricevute classiche: se un cliente dovesse richiedere questi documenti, dovrai compilarli e registrarli manualmente.

In qualità di cliente, invece, avrai il vantaggio di evitare che gli scontrini possano essere una costante che riempie la tua borsa e allo stesso tempo eviterai anche dei controlli improvvisi da parte dei finanzieri che potrebbero multarti qualora tu non abbia richiesto lo stesso scontrino al commerciante.

Questa nuove versione digitale del classico scontrino rappresenta quindi una vera e propria innovazione nel nostro Paese, atta a evitare che l’Italia sia ancora oggi conosciuta come il Paese dove gli evasori fanno la bella vita e dove solamente gli onesti si trovano a dover fare i conti con tasse e altri pagamenti periodici che sono in costante aumento.

Lo scontrino elettronico è quindi divenuto reale e il suo scopo sarà ben preciso: a partire dalla seconda metà del 2019 questo strumento entrerà in vigore e solamente nel 2020 tutti i negozi dovranno sfruttare questo nuovo tipo di tecnologia.

Se questo articolo ti è piaciuto continua a seguirci! Inoltre, per una più efficiente gestione fiscale e per risparmiare sulle tasse, scarica EasyTax Assistant! L’app è gratuita!

Android

iOS

Leave a comment

Name*

Website

Comment

Scarica GratisScarica Gratis